mercoledì 30 ottobre 2013

«La parola Italia è una espressione geografica» Klemens von Metternich

«La parola Italia è una espressione geografica» Klemens von Metternich


L'Italia agli Italiani,compra Italiano,si sentono sempre di più,slogan provenienti da una parte politica,sminuzzata in partiti e partitini.
L'Italia agli Italiani,quali Italiani?quale Italia?
Quelli che stanno svendendo l'Italia alla BCE,all'Europa e al globalismo?
Possiamo usare il termine globalizzazione per definire qualcosa di piuttosto simile ad un processo di colonizzazione esteso all'intero globo. Ci riferiamo evidentemente a quelle particolari e diffuse strategie economiche tese a ricavare il massimo profitto immediato, massificando e standardizzando spesso oltremisura le economie e le culture dei vari paesi del mondo. Se all'interno di questo processo di globalizzazione vi sono indubbi e ben noti vantaggi (è riconosciuto che attraverso esso un certo tipo di benessere aumenti ovunque nel mondo), esistono però d'altra parte anche terribili aspetti negativi (esaurimento delle risorse naturali, inquinamento, sovrappopolazione, grandi disparità economiche e sociali, cancellamento delle espressioni culturali locali, etc. etc.) che fanno ritenere piuttosto utile un procedimento di attenta analisi e discernimento prima di continuare ciecamente in questa direzione. Questo momento di riflessione potrebbe giusto condurre all'altro termine: globalismo. “http://www.hyperlinker.com/change/globalismo.htm
Processo di colonizzazione,si proprio come avete letto,ci sarà una grande eminenza grigia o tante che potrebbero portare il mondo indietro nel tempo non tecnologicamente parlando ma nel modo di intendere il lavoro per poter vivere,per tornare a vivere per lavorare e possibilmente senza neanche una proprietà privata minima per tutti che è la casa o una macchina ,perché il petrolio non è una fonte rinnovabile molto veloce e solo lor signori potranno muoversi...
Parlano di aumento di benessere,guardando l'Italia,l'Europa,il mondo intero non vedo questo benessere allargato alla maggioranza della popolazione,anzi...
Perché non può essere un segno di benessere il suicidarsi perché non lavorando perdono la dignità di uomo o donna che con il sudore della fronte riesce a mantenere la propria attività privata,la propria famiglia oppure una vita decente.
Quindi l'Italia che sta sparendo tornando ad essere ,come diceva l'Austriaco Klemens von Metternich il Il 2 agosto 1847 scrisse, in una nota inviata al conte Dietrichstein, la famosa e controversa frase «La parola Italia è una espressione geografica, una qualificazione che riguarda la lingua, ma che non ha il valore politico che gli sforzi degli ideologi rivoluzionari tendono ad imprimerle.» .
Sparita l'Italia sparirà l'Italiano e la sua civiltà millenaria,un'Italia che quando gli altri popoli vivevano ancora nelle grotte disquisivano di matematica,anatomia e ingegneria in latino e dolce stil novo dopo e si dilettavano nell'arte della musica e della pittura.
Dobbiamo importare la musica ,la cultura dall'estero come se non bastasse la nostra,che sta cadendo a pezzi e in mano straniera e no legalmente,vedi monna lisa e no.
Compra Italiano
Ormai di Italiano al 100 % e rimasto poco o niente,ma anche se troviamo merce italiana da comperare,la andiamo a comperare a filiali di grandi centri di distribuzione alimentare e no in mano a stranieri.
Facile dire compra a km zero,dal tuo fruttivendolo italiano,si compra aglio argentino perché se vuoi comperare Italiano in un negozio
Italiano devi pagare la merce anche 5 volte rispetto ai sopracitati negozi che abbattono il prezzo della merce sulla quantità e sui pagamenti dilazionati nel tempo.
Che io mi chiedo come fa un oggetto o merce in vendita che viene dall'altra parte del mondo a costare almeno la metà dello stesso a km 0 o quasi?
Forse la nostra merce viene trasportata in limousine con un posto a sedere per patata se compri un sacchetto di patate e quella che viene da fuori viene portata tramite navi e treni merci?
Che non mi vengano a dire perché la benzina aumenta sempre e aumenta il costo del trasporto,perché lo stesso vale per la merce di importazione a meno che non usano il teletrasporto che usava Star Trek dal campo di coltivazione al banco del supermercato.
Viva l'Italia
Viva l'Italia, l'Italia liberata,
l'Italia del valzer, l'Italia del caffè.
L'Italia derubata e colpita al cuore,
viva l'Italia, l'Italia che non muore.
Viva l'Italia, presa a tradimento,
l'Italia assassinata dai giornali e dal cemento,
l'Italia con gli occhi asciutti nella notte scura,
viva l'Italia, l'Italia che non ha paura.
Viva l'Italia, l'Italia che è in mezzo al mare,
l'Italia dimenticata e l'Italia da dimenticare,
l'Italia metà giardino e metà galera,
viva l'Italia, l'Italia tutta intera.
Viva l'Italia, l'Italia che lavora,
l'Italia che si dispera, l'Italia che si innamora,
l'Italia metà dovere e metà fortuna,
viva l'Italia, l'Italia sulla luna.
Viva l'Italia, l'Italia del 12 dicembre,
l'Italia con le bandiere, l'Italia nuda come sempre,
l'Italia con gli occhi aperti nella notte triste,
viva l'Italia, l'Italia che resiste.
Francesco De Gregori




giovedì 24 ottobre 2013

L'Italia non è un Paese per giovani

L'Italia non è un Paese per giovani


Italia uno dei pochi paesi anzi pochissimi paesi dove il presidente è più vecchio del pontefice e dove i nonni lavorano e i nipoti sono disoccupati. I nostri giovani non solo disoccupati ma anche presi di mira dai ministri che si divertono a prenderli per i fondelli. Due casi per capire l'antifona,dai “choosy” della Fornero fino fino a Visco “In Italia studiare non conviene Per trovare lavoro, una laurea vale un diploma".Parole dette,le prime,da un ministro del lavoro Italiano mentre era in carica,le seconde,da il governatore della Banca d'Italia in carica. Non lamentiamoci allora se siamo visti male all'estero a livello di lavoro e studi quando le persone che dovrebbero sponsorizzare i giovani ne parlano male per primi?Voi comprereste mai una macchina da un rivenditore dove il padre del proprietario vi dice di diffidare del figlio?Un paese dove i cartelli,pochi,esposti nelle vetrine cercano ventenni con esperienza,esperienza che difficilmente potranno fare se nessuno li assume per primi,bisogna iniziare ad assumere con contratti seri e non a 3 mesi o apprendistato di 4 anni per poi non formarli e lasciarli a casa finito il contratto valenti o no. Intanto continuiamo ad essere terra di invasione dall'Africa riempiendo le notizie dei telegiornali e le pagine dei giornali mentre nessuno parla dei nostri giovani che scappano all'estero per cercare lavoro e come presentazione hanno le credenziali del ministro e del governatore della Banca d'Italia. Qui torna l'esempio del rivenditore d'auto. Chi vede di buon occhio il giovane Italiano che è “chhosy” e che se hanno una laurea equivale al diplomato del natio?Noi che siamo la culla della cultura,vedi Dante e latino madre di quasi tutte le lingue Europee per citare due esempi. Invece oggi cosa succede?Invasi dalla musica straniera dove la maggior parte non capisce neanche il testo,invasi dai marchi stranieri che stanno comprando il made in Italy,invasi da persone disperate che preferiscono morire in mare piuttosto che rimanere a casa loro,quest'ultimi figli di un Africa che coi soldi che hanno ricevuto,pochi o tanti non tocca a ne discuterne,sono finiti per le guerre locali o per arricchire i vari ras del momento. Quindi cari giovani non fatevi il sangue marcio perché non avrete ma il il problema della pensione perché stanno combinandone di tutte per non farvi arrivare ai requisiti per poterne usufruire,mentre i politicanti e cariche istituzionali con il portafogli pieno di soldi per incarichi vari e prebende pontificano sulla vostra pelle. Cari giovani un solo augurio che crescendo cambiate la nostra amata patria rendendola a misura d'uomo qualunque età abbia il cittadino non dimenticando cosa state sopportando oggi.






 

martedì 8 ottobre 2013

Ti piace vincere facile? Allora non giocare - IL LOTTO

Ti piace vincere facile? Allora non giocare - IL LOTTO

 
Oggi parliamo del lotto stesso con tre giocate settimanali:martedì,giovedì e sabato che possono esiere anticipate o posticipate se i giorni sopraindicati coincidono con festività.

ESTRATTO
Vinci se esce il numero che hai giocato 11,32 volte la posta giocata
La possibilità di non indovinare nemmeno un numero è: 94.444444%
La probabilità di perdere tutti i soldi giocati è: 94.444444%
La probabilità di ottenere almeno un estratto è del: 5.555556 %

ESTRATTO DETERMINATO
Vinci se esce il numero che hai giocato 55 volte la posta giocata

AMBO
Vinci se escono i numeri che hai giocato 250 volte la posta giocata
La possibilità di non indovinare nemmeno un numero è: 89.138577%
La probabilità di perdere tutti i soldi giocati è: 99.750312%
La probabilità di ottenere almeno un ambo è del: 0.249688 %

TERNO

La possibilità di non indovinare nemmeno un numero è: 84.073885%
La probabilità di perdere tutti i soldi giocati è: 99.991488%
La probabilità di ottenere almeno un terno è del: 0.008512 %

QUATERNA
Vinci se escono i numeri che hai giocato 120.000 volte la posta giocata
La possibilità di non indovinare nemmeno un numero è: 79.242052%
La probabilità di perdere tutti i soldi giocati è: 99.999804%
La probabilità di ottenere almeno una quaterna è del: 0.000196 %

CINQUINA
Vinci se escono i numeri che hai giocato 6.000.000 volte la posta giocata
La possibilità di non indovinare nemmeno un numero è: 74.634956%
La probabilità di perdere tutti i soldi giocati è: 99.999998%
La probabilità di ottenere una cinquina è del: 0.000002 %
La probabilità di perdere tutti i soldi giocati è: 99.999998%
La probabilità di ottenere una cinquina è del: 0.000002 %
VI SEMBRANO POCHE QUASI NULLE LE PERCENTUALI DI VINCITE ED ALLORA REGGETTEVI FORTE PERCHE' BISOGNA AGGIUNGERE ANCHE IL 6% DI TASSE SULLA VINCITA

PREMI PER OGNI SORTE

Per iniziare, elenchiamo il PREMIO, cioe' quante volte si vince la somma puntata, in base alla "sorte" scelta.
Con sorte si intende AMBO, TERNO, QUATERNA.. . I valori qui indicati sono quelli ufficiali al  28/09/2012.
Quindi, in teoria: 

LA SORTE DI
PER OGNI EURO PUNTATO, NE PAGA
Estratto
determinato
55,00
Ambata
(Estratto semplice, 1 numero)
11,23
Ambo
250,00
Terno
4.500,00
Quaterna
120.000,00
Cinquina
6.000.000,00

In realtà, le vincite al lotto sono tassate alla fonte del 6%.
Quindi ad, esempio i 250 (x 1 Euro) dell'Ambo, diventano 235.00 !
Questa e' la tabella effettiva di quanto si incassa in caso di vincita al lotto. 

LA SORTE DI
PER OGNI EURO PUNTATO, NE PAGA,
AL NETTO DELLE TASSE:
Estratto
determinato
51,70
Ambata
(Estratto semplice, 1 numero)
10,52
Ambo
235,00
Terno
4.230,00
Quaterna
112.800,00
Cinquina
5.640.000,00



lunedì 7 ottobre 2013

Ti piace vincere facile? Allora non giocare - 1 parte - l'ambetto

ORA FACCIAMO DUE CALCOLI
SE PUNTO 5 EURO SU UN AMBO E INDOVINO I NUMERI VINCO 1250 EURO
IPOTETICAMENTE GIOCO IL 26 E 67 CHE CON L'AMBETTO DIVENTA
26 E 66
26 E 68
67 E 25
67 E 27
E SE VINCO VINCO 325 EURO PER COMBINAZIONE
ATTENZIONE VA SEGNALATO CHE GIOCO L'AMBO QUINDI I 5 EURO DIVENTANO 10 ANCHE PER L'AMBO NORMALE SE NO CON L'USCITA DEL 26 E 67 NON VINCO CON I NUMERI CHE SPERAVANO CHE USCIVANO.
SE HO SEGNATO ANCHE L'AMBO NORMALE SE INDOVINO VINCO 1250 EURO SE NE GIOCO 5.
ORA GIOCHIAMO I CINQUE AMBI SEPARATI CON 2 EURO PER AMBO PER ARRIVARE A 10 EURO DI GIOCATA UGUALE ALLA PRIMA CON AMBO ED AMBETTO
26 E 67
26 E 66
26 E 68
67 E 25
67 E 27
VINCO 500 EURO PER GIOCATA
QUINDI VINCO 175 EURO IN PIU' RISPETTO ALL'AMBETTO A PARITA' DI GIOCATA TRANNE CHE SE ESCONO I MIEI NUMERI NE PERDO 750
OPPURE GIOCO SEMPRE I 5 EURO PER L'AMBO DA ME SCELTO E VINCEREI I 1250 COME VINCEVO CON L'AMBETTO GIOCANDO L'AMBO
E 1,25 PER OGNI AMBETTO CHE DIVENTA AMBO E VINCO 312,5 PERDENDONE 12,5 EURO RISPETTO ALL'AMBETTO
QUINDI NON E' UN GRANDE AFFARE L'AMBETTO ALMENO PER NOI GIOCATORI ….